Nata nel 1957 con il nome di “Scuola di alpinismo Bergamo” grazie alla forte convinzione dell’ing. Ausari, nel 1958 la Scuola viene intitolata al forte alpinista bergamasco che, in quell’anno, perì colpito da un fulmine sulla vetta del Pizzo Roseg dopo averne scalato la sua parete nord. La forte determinazione di Pellicioli viene tramandata da istruttore a istruttore; Esercitazioni 2nel 1958 viene organizzato il primo corso di alpinismo base al quale seguiranno, fino ai giorni nostri, corsi di alpinismo avanzati su roccia e ghiaccio sotto l’attenta direzione di alcuni dei più grandi nomi dell’alpinismo bergamasco: Luigi Fenaroli, Bruno Berlendis, Santino Calegari, Rino Farina, Carlo Nembrini, Andrea Cattaneo, Attilio Bianchetti, Gino Locatelli, Gaspare Improta, Renzo Ferrari, Franco Rozzoni, Michele Cisana. Negli anni ’80 la ventata di novità portata dal Nuovo Mattino invade anchela Scuoladi alpinismo “L. Pellicioli” la quale è già preparata a questo stimolo avendo al suo interno istruttori quali Augusto Azzoni, Giovanna e Alessandra Gaffuri che conoscono personaggi come Jacopo Merizzi, uno dei più grandi promotori di questo movimento. Qualche anno dopo, sotto la spinta di Tiberio Riva e Mario Pilloni, nasce il primo corso di arrampicata libera; il corso viene svolto in modo ottimale e si rivelerà un successo anche negli anni successivi! Più avanti, a fine degli anni ’80, un gruppo di istruttori, già specializzato nell’arrampicata su ghiaccio, si spinge a scalare le cascate; qualche anno dopo, dalla spinta di Franco Rozzoni, Pierluigi Rozzoni, Michele Cisana e Gianluca Midali, nasce il primo corso di cascate di ghiaccio con la partecipazione di ben 14 allievi! Nel giro di pochi anni il corso coinvolgerà tutto l’organico della Scuola rivelandosi un punto di collegamento tra i corsi autunnali e Esercitazioni1primaverili. Negli ultimi anni, la sempre più continua specializzazione ha portatola Scuola ad “adeguarsi ai tempi” senza per questo dimenticare il suo scopo principale, quello di insegnare agli allievi a frequentare l’ambiente alpino in completa sicurezza. Nasce così nel gennaio 2007, grazie alla motivazione degli istruttori Silvestro Stucchi, Anna Lazzarini e Giovanni Moretti, il primo corso di arrampicata indoor, probabilmente uno dei primi, o comunque dei pochi, corsi organizzati in Italia dalle scuole del CAI. Chissà quante cose ci riserverà ancora il prossimo futuro… Per adesso festeggiamo i nostri primi Cinquant’anni; Cinquant’anni di intensa attività che abbiamo voluto anche ricordare con un libro.